Cosa si intende per certificazione delle minusvalenze? Si tratta di un documento che deve essere rilasciato dalla banca (ai sensi dell’art. 6, comma 5, del D.Lgs. 461/97)  solo nelle due ipotesi tassativamente previste:

1) chiusura dei depositi in regime di risparmio amministrato (non è necessaria la chiusura del conto corrente collegato);

2) trasformazione del regime amministrato in regime dichiarativo. Poiché l’arco temporale di tassazione è differente, la trasformazione ha sempre validità a decorrere dal 1 gennaio dell’anno successivo.

In queste due circostanze l’Istituto entro un paio di mesi dall’evento rilascia la Certificazione ai sensi dell’art. 6, comma 5, del D.Lgs. 461/97 nella quale sono contenute le minusvalenze suddivise per anno di formazione. Ciò è importante in quanto le minusvalenze sono riportabili per 4 anni, dopodiché scadono e non sono più compensabili con plusvalenze.

Il Cliente può utilizzare la Certificazione:

  1. presso altro rapporto in regime amministrato (verificare che l’Istituto accetti di inserire nel rapporto le minusvalenze); si precisa che le minusvalenze sono intestate al soggetto titolare del conto chiuso o trasformato, ma che possono essere inserite anche in un conto cointestato;
  2. in dichiarazione dei redditi, a compensazione di redditi diversi di capitale in regime dichiarativo (si inseriscono in dichiarazione solo in caso di utilizzo anche parziale).

Qui sotto riportiamo un esempio di certificazione rilasciato da un ente finanziario:

6 comments on “Certificazione delle minusvalenze per dichiarare il conto trading

    1. Buongiorno,
      per recuperare le sue minusvalenze provenienti da conti in regime amministrato può bastare anche una scansione del documento che le rilascia la banca.
      Per qualsiasi informazione non esiti a contattarci.

      Team Dichiarativo.com Srls

        1. Le minusvalenze certificate sono inserite nel cd zainetto fiscale: è a cura del contribuente la gestione dei crediti lì inseriti, in quanto in Dichiarazione dei Redditi vengono inserite le minusvalenze da zainetto fiscale solo quando devono essere utilizzate e nel limite del loro utilizzo.

          Pertanto è responsabilità del contribuente tenere traccia degli utilizzi effettuati e dimostrarne l’utilizzo in caso di richiesta da parte dell’Agenzia delle Entrate.

          Poiché nel regime dichiarativo tutti i conti confluiscono in Dichiarazione dei Redditi, uno e uno solo, per ogni anno, sarà l’utilizzo delle minusvalenze presenti nello zainetto fiscale.

          Chiaramente l’utilizzo delle minusvalenze certificate, qualora inserite in un altro conto amministrato (ove possibile), non potranno essere utilizzate in regime dichiarativo e viceversa.

  1. Una domanda: io ho un conto con Degiro con delle perdite nell’anno in corso (primo anno di trading) e ho un conto amministrato con una banca italiana dove ho una posizione in azioni in guadagno. Come posso fare per trasferire le minusvalenze da Degiro alla banca italiana per compensare le minusvalenze quando venderò le azioni? Grazie mille

    1. Buongiorno,
      non è possibile trasferire minusvalenze da un conto in regime dichiarativo ad un conto in regime amministrato, mentre è possibile il percorso inverso, a determinate condizioni. Le uniche possibilità di utilizzare le minusvalenze per compensare le plusvalenze di quelle azioni sul conto amministrato, sono: quella di trasformare anche il conto in regime amministrato in regime dichiarativo, oppure trasferire i titoli dal conto amministrato al conto dichiarativo, e lì chiudere le posizioni. Dovrà verificare costi e benefici dell’operazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *